Ambiente, Ambiente Home, Architettura, Campania Home, Commissione Ambiente Territorio Beni Ambientali, Grandi Progetti Home, In Evidenza, Napoli Home, Territorio, Territorio Home, Ultimi articoli Pubblicati

TAV AFRAGOLA / INUTILE PER IL TERRITORIO, NON PER LE MAFIE

21 giugno 2017

Una stazione Tav che è una cattedrale nel deserto. A mio avviso è sovradimensionata rispetto alle esigenze reali, e dunque appare come un investimento decisamente eccessivo, per dirlo anche con le parole del procuratore generale della Corte dei Conti della Campania. Tutto questo è la stazione di Afragola. Ma, purtroppo è anche di più: un’opera inutile che fa gola ai clan criminali che proprio in questo periodo hanno iniziato una recrudescenza.

Inoltre, anche dal punto di vista infrastrutturale e strategico è un’opera che mi fa nutrire numerosi dubbi, tanto che a oggi la stazione si può raggiungere dall’interno dell’abitato di Afragola tramite strade cittadine, che non sono pronte ad assorbire l’impatto del flusso dei viaggiatori, o attraverso una strada a scorrimento veloce imboccando lo stesso svincolo che conduce ad un centro commerciale.

Cosa da non trascurare, l’inizio delle assegnazioni degli appalti per le infrastrutture nell’area della stazione potrebbe coincidere con l’inizio di una nuova e sanguinosa faida tra clan con acuirsi della recrudescenza criminale nella zona che contempla i comuni interessati dai lavori. Per questo come M5S chiediamo al governo se abbia ulteriori elementi a tal riguardo. Chiediamo anche che venga fornito il cronoprogramma di attuazione della realizzazione dei cantieri ancora aperti, e di sapere perché i lavori non sono stati conclusi nei tempi stabiliti; quale piano si ritenga di dover predisporre e quali provvedimenti si intendano adottare per arginare le possibili infiltrazioni delle consorterie malavitose locali negli appalti delle costruzioni all’interno della Variante Urbanistica; se non si intenda istituire un tavolo permanente sotto la guida del Prefetto della Città di Napoli per un monitoraggio continuo sui nuovi cantieri.

Non da ultimo, vogliamo sapere cosa intende fare il governo per approfondire le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia per evitare il sorgere di una eventuale faida tra i clan della zona e per affrontare in modo concreto la lotta alla criminalità organizzata; chiediamo anche quali azioni siano state adottate per garantire la sicurezza del flusso dei viaggiatori che si recheranno all’interno di un “grandioso” snodo ferroviario che oggi presenta tutte le caratteristiche di un enorme cantiere a cielo aperto, con mezzi in movimento, sconnessioni e pericolo di inciampo in ogni angolo dell’area.

0

Paola Nugnes

Leave a comment

Paola Nugnes